domenica 19 gennaio 2020

GENOVA : UN PEZZO DI STORIA DELLA COMPAGNIA UNICA



La scomparsa di Roberto D' Alessandro (presidente del Consorzio autonomo del porto dal 1984 al 1988) è l' occasione per rievocare quel periodo che divise la città. D' Alessandro voleva riorganizzare il porto come un' azienda per fare fronte al container che stava cambiando il ruolo geografico e produttivo dei porti. 

FRANCESCO RUSSO VICE PRESIDENTE REGIONE FVG SU PORTOVECCHIO

Quella che abbiamo definito dubbiosi " la magica sdemanializzazione " ha preso le mosse dall'emendamento Russo ben cinque anni fa. Ci sembra giusto proporvi le considerazioni di questi giorni dell'allora senatore e oggi vice presidente del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia.

(testo recuperato sulla pagina Facebook di Francesco Russo.)




" Credo che chiunque voglia bene a Trieste faccia il tifo perché Porto Vecchio si trasformi in qualcosa di bello. Un luogo che sia cuore pulsante di un nuovo sviluppo economico, uno spazio di aggregazione, un laboratorio per importare le migliori cose fatte nelle città europee.

MINISTRO PAOLA DE MICHELI SU PORTO FRANCO INTERNAZIONALE DI TRIESTE



Il porto franco non decolla per la difficoltà di dialogo con l’Agenzia delle Dogane. Che farà il governo?

L’Agenzia delle Dogane non ha mai voluto compiutamente riconoscere il regime di extradoganalità del porto franco triestino. Non vi è necessità di riconoscimenti a livello Ue, essendo il regime di Trieste stato escluso dal regime comunitario. Sono aperti sulla questione confronti con Mef, Mit e Agenzia delle Dogane con cui attiveremo un tavolo specifico per il superamento delle criticità.

MINISTRO PATUANELLI SU PORTO FRANCO INTERNAZIONALE TRIESTE


La prossima partita per lo sviluppo di Trieste è sistemare definitivamente il regime del porto franco, perché "Trieste è zona extradoganale". Lo ha detto il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli, intervistato dal direttore de Il Piccolo, Enrico Grazioli, in occasione di un incontro dedicato alle 500 aziende più importanti del Friuli Venezia Giulia. 

VIA 2020 PORTO FRANCO INTERNAZIONALE DI TRIESTE



La prossima partita per lo sviluppo di Trieste è sistemare definitivamente il regime del porto franco, perché "Trieste è zona extradoganale". Lo ha detto il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli, intervistato dal direttore de Il Piccolo, Enrico Grazioli, in occasione di un incontro dedicato alle 500 aziende più importanti del Friuli Venezia Giulia.

Il porto franco non decolla per la difficoltà di dialogo con l’Agenzia delle Dogane. Che farà il governo?

L’Agenzia delle Dogane non ha mai voluto compiutamente riconoscere il regime di extradoganalità del porto franco triestino. 

mercoledì 15 gennaio 2020

IL VICESINDACO POLIDORI E L'IMU IN PORTO "FRANCO" ?



L’altro giorno abbiamo proposto un elenco di argomenti da aggiornare per questo inizio d’anno 2020. Lasciamo ora alla cronaca quotidiana la scelta del tema da cui partire. Scelta casuale e indifferente visto che poi andrà a ricomporsi il “puzzle” come vedremo.

Il quotidiano locale IL PICCOLO riporta la notizia di multe a trenta operatori portuali per non aver pagato l’IMU sui magazzini all’interno del porto. Si tratta di una vertenza che riguarda diversi scali italiani ma che almeno a Trieste si potrebbe risolvere grazie alle particolarità dello scalo triestino.


E’ il Comune di Trieste a dover incassare l’IMU e a portare avanti  la vertenza contro gli operatori portuali ed è poi, da breve, la Regione FVG a gestire questa tassazione.
Per semplificare possiamo dire che si tratta di una tassa almeno “discutibile” ed è per questo motivo che è oggetto di ricorsi e sentenze. Le tasse vanno pagate e le leggi rispettate ma in questo caso si potrebbe forse trattare di una legge “ingiusta” o scritta male ?

Proviamo a fare un esempio semplificato per capire di cosa si tratta. 

Se uno di noi va ad abitare in una casa in affitto è certo che non sarà lui a pagare l’IMU sull’appartamento. Per questi magazzini in zona portuale si pretende che sia il concessionario (l'affittuario) a pagare sia un canone o affitto e anche la tassa di proprietà.

martedì 14 gennaio 2020

SHIPPING.ITALY..IT SU RECORD CONTAINER MOLO VII


CLICCA IMMAGINE

STORIE TRIESTINE : CHIUSURA DELL'AREA A CALDO DELLA FERRIERA

IL 59 % dei lavoratori della Ferriera ha votato a favore dell'accordo con Arvedi che contiene la chiusura dell'area a caldo a fronte di garanzie occupazionali. La votazione ha visto confrontarsi le Organizzazioni Sindacali presenti in Ferriera con la FIOM CGIL che si è opposta all'accordo.


Nei giorni scorsi con un comunicato il Coordinamento Lavoratori Portuali Trieste ha illustrato la questione Ferriera dal loro punto di osservazione. Prima di raccogliere i pareri sindacali sulla votazione conclusa può essere utile affrontare l'argomento da un punto di vista originale rispetto al dibattito lavoro-ambiente-salute che ha accompagnato tutti questi anni.

Di seguito il comunicato CLPT:


Il COORDINAMENTO LAVORATORI PORTUALI TRIESTE esprime la sua più completa solidarietà ai lavoratori della Ferriera e alle rispettive famiglie ed è al loro fianco in questo delicato momento in cui le trattative per la trasformazione dell’impianto siderurgico in piattaforma logistica, vedono seduti al tavolo di trattativa il MES e le organizzazioni sindacali.


STORIE TRIESTINE : IL CONSIGLIERE PUGILE E IL LINGUAGGIO DEI PORTUALI

C'è questo personaggio : pugile affermato, ex Forza nuova e eletto in Consiglio comunale a Trieste con la Lega che puntualmente finisce sulle pagine nazionali e nei media per affermazioni fuori dalle righe.

Questa volta sono i portuali triestini a riprenderlo e accusandolo di offendere i lavoratori. 

Clicca sull'immagine per leggere la notizia